Approvazione Legge di bilancio 2023 - 3

Definizione agevolata delle liti pendenti

L’accesso alla nuova definizione agevolata delle controversie tributarie pendenti richiede che entro il 1.01.2023, data di entrata in vigore della legge di Bilancio 2023, avvenga la notifica del ricorso di primo grado e il suo deposito; dalla stessa data scatta la sospensione per 9 mesi dell’impugnazioni delle pronunce. La misura riguarda anche i giudizi in Cassazione e a seguito di rinvio, in cui sono parte l’Agenzia delle Entrate e l’Agenzia delle Dogane. In sintesi, è previsto il pagamento delle imposte pretese con l’atto impugnato con le seguenti deroghe: o 90% delle imposte se il ricorso è iscritto nel primo grado; o 40% delle imposte, se è stata depositata una sentenza di primo grado favorevole al contribuente; o 15% delle imposte, se è stata depositata una sentenza di secondo grado favorevole al contribuente; o 5% per le  controversie pendenti innanzi in Cassazione per le quali il Fisco è soccombente in tutti i precedenti gradi.

Condividi l'articolo:

Ultime News

23Gen2024
La Cassazione, con la sentenza n. 2129/2023, ha stabilito il dovere del commercialista di effettuare la segnalazione di operazione sospetta della società cliente di cui tiene la contabilità, che ha effettuato numerosi ed ingenti prelevamenti per contanti
09Gen2024
La legge di Bilancio 2024 ha introdotto la maxi-deduzione del 120% del costo relativo all’incremento occupazionale al fine di agevolare i datori di lavoro che nel 2024 innalzano l’occupazione stabile attraverso il ricorso a contratti di lavoro subordina
08Gen2024
Dal 1.01.2024, per i contribuenti in regime forfetario, tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate verso soggetti residenti o stabiliti nel territorio dello Stato, oltre alle relative variazioni, dovranno essere documentate con fat