Agevolazioni 2023 sull’acquisto di immobili

Riconfermati i bonus l’acquisto
  • Giovani under 36 e con Isee fino a 40.000 euro: confermata per il 2023 l’agevolazione che prevede l’esenzione dalle imposte di registro, ipotecaria e catastale per gli atti stipulati entro il 31.12.2023, riguardanti le abitazioni principali (non in categoria A/1, A/8 e A/9). L’esenzione riguarda sia i contratti di acquisto della proprietà di prime case, sia gli atti traslativi o costitutivi di nuda proprietà, usufrutto, uso e abitazione. Per gli acquisti soggetti a Iva, invece, è previsto un credito d’imposta pari all’intera Iva versata. Gli under 36 possono essere anche esentati dall’imposta sostitutiva sui mutui (0,25%).
  • Fondo Gasparrini: il Fondo di solidarietà per la sospensione dei mutui per l’acquisto della prima casa continuerà a operare in deroga per tutto il 2023. Pertanto, ancora senza vincoli Isee, potranno accedervi anche i lavoratori autonomi, liberi professionisti, imprenditori individuali, coltivatori diretti, artigiani e piccoli commercianti con un calo del fatturato superiore al 33% su base trimestrale, i titolari di mutui di massimo 400.000 euro, i titolari di mutui assistiti dal Fondo di garanzia per i mutui prima casa e le cooperative edilizie a proprietà indivisa.
  • Acquisto di immobili green: per gli acquisti di immobili residenziali in classe energetica A o B, entro il 31.12.2023, è riconosciuta la detrazione Irpef del 50% dell’Iva versata. La detrazione deve essere suddivisa in 10 rate annuali, a partire dalla dichiarazione dei redditi riferita all’anno in cui sono state sostenute le spese e nei 9 periodi d’imposta successivi.
  • Detrazioni edilizie: per l’acquisto di abitazioni ristrutturate o costruite da imprese restano valide, a certe condizioni, anche le detrazioni edilizie: bonus del 50% sulle case ristrutturate, valido anche per l’acquisto o la costruzione del box auto pertinenziali e sismabonus.
  •  
Condividi l'articolo:

Ultime News

23Gen2024
La Cassazione, con la sentenza n. 2129/2023, ha stabilito il dovere del commercialista di effettuare la segnalazione di operazione sospetta della società cliente di cui tiene la contabilità, che ha effettuato numerosi ed ingenti prelevamenti per contanti
09Gen2024
La legge di Bilancio 2024 ha introdotto la maxi-deduzione del 120% del costo relativo all’incremento occupazionale al fine di agevolare i datori di lavoro che nel 2024 innalzano l’occupazione stabile attraverso il ricorso a contratti di lavoro subordina
08Gen2024
Dal 1.01.2024, per i contribuenti in regime forfetario, tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate verso soggetti residenti o stabiliti nel territorio dello Stato, oltre alle relative variazioni, dovranno essere documentate con fat